Carne


Di seguito le schede di presentazione della carne che può essere prodotta e commercializzata dalle aziende che aderiscono al progetto PPL – Piccole Produzioni Locali Veneto.

Carne di ungulati domestici e selvaticiCarne fresca avicola, cunicola, di piccola selvaggina

Carne di ungulati domestici e selvatici e prodotti derivati

Carne di ungulati domestici e selvatici e prodotti derivati

Descrizione

Con il termine “carne di ungulati domestici” si intende carne di bovino, di pecora, di capra, di suino o di cavallo. I capi devono essere stati allevati nell’azienda PPL per almeno quattro mesi.

Con il termine invece di “carne di ungulati selvatici” si intende carne di cinghiale, di cervo, di capriolo, di camoscio, di daino o di muflone. I capi in questo caso vengono abbattuti da un cacciatore o abbattitore, produttore primario e imprenditore agricolo nell’ambito di un piano di controllo della fauna selvatica. E’ consentito però l’utilizzo di carne di animali abbattuti nell’ambito della provincia in cui risiede l’azienda PPL e nelle province contermini.

Ingredienti

Carne di ungulati domestici, carne di ungulati selvatici, sale, spezie, vino (secondo usi locali). L’aggiunta di nitrati e/o nitriti (nei limiti consentiti dalla normativa) è facoltativa.

Processo di produzione

Gli ungulati allevati vengono macellati in stabilimenti riconosciuti mentre gli ungulati selvatici abbattuti vi devono almeno transitare ed essere sottoposti ad ispezione da parte dei veterinari pubblici ufficiali.

Le carni fresche possono poi essere lavorate per la produzione di salumi o insaccati (ossocollo, prosciutto, pancetta…).

Carne fresca avicola, cunicola e di piccola selvaggina

Carne fresca avicola, cunicola e di piccola selvaggina

Descrizione

Le carni avicole, cunicole e di piccola selvaggina, sono carni di capi allevati nell’azienda PPL per almeno 90 giorni. Fra i prodotti ottenuti con queste carni vi sono:

Il rotolo di coniglio e il rotolo di avicolo, delle preparazioni di carne ottenute dal disosso del coniglio o di un volatile da cortile con l’aggiunta di sale, spezie e aromi, arrotolata e pronta da cuocere.

Le carni di piccola selvaggina selvatica, ovvero carni di quaglie, starne, pernici, beccacce o fagiani abbattuti durante l’attività venatoria

Ingredienti

Carne avicola, carne cunicola e carne di piccola selvaggina, sale, spezie e aromi.

Processo di produzione

La lavorazione delle carni dei volatili, dei conigli e della piccola selvaggina viene eseguita all’interno dell’azienda agricola. Subito dopo la macellazione o la lavorazione, le carni vengono refrigerate a temperature non superiore a 4°C se commercializzate refrigerate e a -12°C se commercializzate congelate.

Solo a richiesta e in presenza del cliente, l’azienda può sezionare o porzionare la carne. Il rotolo di coniglio o il rotolo di avicolo invece può essere preparato prima della vendita presso il laboratorio aziendale.