Informazioni


Come aderire al progetto PPL

Il progetto Piccole Produzioni Locali (PPL) della Regione del Veneto si rivolge ad agricoltori e allevatori di piccole aziende che vogliono integrare il loro reddito con la vendita di prodotti alimentari tipici, anche trasformati, ricavati dalla propria produzione primaria.

L’operatore alimentare che può aderire al progetto PPL deve essere quindi un imprenditore agricolo a titolo principale e non (secondo la definizione dell’art. 2135 del Codice Civile), e deve lavorare e vendere prodotti provenienti dalla propria azienda.

È possibile reperire tutte le informazioni specifiche su chi e come può aderire al Progetto PPL consultando la Deliberazione della Regione Veneto n. 1070 del 11/08/2015 e i suoi allegati. In particolare:

  • nell’allegato A e nei relativi suballegati sono descritte le caratteristiche dei prodotti previsti dal progetto PPL;
  • nell’allegato B sono descritti i requisiti dei locali e delle attrezzature utilizzabili per la produzione;
  • nell’allegato C e nei relativi suballegati è presente la modulistica necessaria per aderire al progetto;
  • nell’allegato D è descritto nel dettaglio il percorso di formazione che dovranno seguire le aziende aderenti.

Sopralluogo preventivo

L’operatore interessato ad aderire al progetto deve innanzitutto chiedere un sopralluogo preventivo ai Servizi Veterinari e/o al Servizio Igiene Alimenti dell’ASL competente, presentando richiesta attraverso l’allegato C1.

Il sopralluogo preventivo è importante perché gli operatori dell’ASL:

  • forniscono all’operatore tutte le indicazioni sulle possibilità commerciali offerte dalla norma regionale sulle piccole produzioni locali;
  • aiutano l’operatore ad individuare il locale in cui realizzare il laboratorio;
  • forniscono informazioni sulle caratteristiche dei locali e delle attrezzature da utilizzare.

Scarica il modulo per la richiesta di sopralluogo
ALLEGATO C1

Percorso di formazione

Il percorso formativo destinato ai produttori primari, al personale impiegato nelle lavorazioni ed ai norcini si articola in un minimo di 15 ore.

Il percorso è validato dai Servizi veterinari e/o SIAN dell’ASL sul cui territorio si svolge il corso, e la validazione deve essere conseguita prima dell’avvio delle lavorazioni o, in ogni caso, entro 15 mesi dalla registrazione dell’attività.

Il percorso si divide in due parti: la prima comune a tutte le produzioni, la seconda specifica in base alle produzioni per cui è registrato l’operatore. Gli argomenti affrontati nella parte comune sono:

  • le buone prassi di igiene nella lavorazione, trasformazione e vendita dei prodotti (3 ore)
  • l’applicazione delle corrette prassi operative per la rintracciabilità, l’etichettatura e la vendita (3 ore)
  • Microbiologia, tecnologia alimentare e valutazione del rischio alimentare (3 ore)

Alcuni argomenti della parte specifica invece possono essere, per esempio: la gestione dell’allevamento, il trasporto e la macellazione, la trasformazione di prodotti di origine vegetale, i rischi alimentari connessi alle varie tipologie di prodotto.

Manuale di buone pratiche di igiene e di lavorazione

Come accedere all’area riservata

Per poter accedere alla parte riservata del sito e visualizzare gli esiti relativi ai prodotti PPL, scrivere una mail a:

mfavretti@izsvenezie.it

indicando i propri dati anagrafici il codice aziendale e/o il codice PPL

Altra normativa d’interesse

  • 16/11/2016 – Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero della Salute – Disposizioni del regolamento (UE) n. 1169/2011 relative agli alimenti ai quali non si applica l’obbligo della dichiarazione nutrizionale | PDF

Approfondimenti

  • La flessibilità nella normativa igienico-sanitaria: opportunità per lo sviluppo delle imprese del comparto agroalimentare
    (Simone Giovannini )
    Tesi
  • Procedura gestione approvvigionamento idrico autonomo | PDF
    Schema tipo di approvigionamento idrico con acque meteoriche raccolte con cisterna | PDF
  • Produrre sicuro in malga. Buone prassi di caseificazione. Buone prassi igieniche
    (Rosaria Lucchini)
    Presentazione
  • Sicurezza alimentare nelle Piccole Produzioni Locali del Veneto: valutazione del rischio microbiologico
    (Alfio Gallo)
    Tesi – Presentazione